Choose color scheme

  • Di Me che no, la factotum non la voglio fare

    Boss: senti stavo pensando, ma invece di occuparti solo della grafica, perchè non lo programmi tu l’e-commerce dell’XXX?
    Io: ahem boss, è un progetto importante e complesso, io son fuori allenamento, dovrei riprenderci la mano….
    Boss: mmm capito… vabè magari dai una mano a Dani
    Io: ah sisi quello assolutamente!

    Io: boss ma nelle didascalie del carousel per il cliente YYY cosa devo scrivere come slogan?
    Boss: boh, improvvisa…
    Io: …
    (…)
    Io: Gabri, vedi un po’ se vanno bene questi come slogan
    Boss: aaapperò! Mi piacciono un sacco… potresti fare la copywriter cacchio! Hai mai pensato di darti al copywrighting?
    Io: si, nient’altro? Giocoliera? Astronauta?

  • Di me che se non son buffi manco li vedo…

    Un amico/collega mi sottopone la possibilità d’un lavoro a Londra.
    Ne parlo con J e, fra argomentazioni più o meno serie, aggiungo un trollereccio
    – certo se dovesse essere una cosa simile, io e te non ci vediamo proprio più,,,
    – ma che dici!
    – oh, già ora ci vediamo poco, figurati una volta che saremo millemila volte più distanti!
    – un modo si trova sempre
    – uhm… e se non si trova? Mh? Ti dispiacerà se non mi vedrai più? Eh? Eh? Eh?
    – hhhhhh si. Mi dispiacerà per forza se non ti vedrò più… perchè sarò morto. Non vedo altre spiegazioni.

    J. ha un buffo modo di darmi conferme.
    Buffo ma efficace.

  • Di Me e del perchè non ho un futuro da freelance

    Due giorni fa, è venuta in ufficio l’amica di un collega.
    Parlavano di un sito che lei aveva intenzione di fare mi han chiesto un consiglio su 1. dove comprare hosting/dominio 2. se un sito vetrina potesse poi esser convertito in e-shop 3. temi wordpress
    Illudendomi di aver di fronte una persona che sapesse di cosa parlava, ma soprattutto avendola presentata come mia carissima e vecchissima amica, mi son offerta di aiutarla a installare wordpress e il tema che avesse scelto

    Al che mi fa
    Tizia: ma tu fai questo di lavoro?
    Io: si, fra le altre cose si
    Tizia: e lo fai con la partita iva
    Io: uhm si, perchè?
    Tizia: ma quindi saresti disposta a darmi una mano?
    Io: guarda, se mi mandi i dati di hosting e database ti installo wordpress e il tema che hai scelto, non ci metto davvero nulla

    Mi chiede l’email, ci salutiamo e stamattina ricevo un suo messaggio dove mi chiede un preventivo.
    Avevo già accennato la cosa al mio boss (introducendo il discorso con “boss, sono una minchiona troppo disponibile e ho fatto un guaio…”) che aveva liquidato la faccenda senza preoccuparsene ma la mia risposta alla richiesta della tizia, testualmente “Riesci senza perdere troppo tempo a dirmi, a tuo avviso, quale sia la strada migliore da intraprendere e a darci i costi (anche del tuo lavoro ovviamente?).”, è ugualmente stata “Devo però dirti che quando ci siamo viste c’è stato un fraintendimento: mi era sembrato di capire che tu sapessi come muoverti con wordpress e avessi solo bisogno di un consiglio su dove acquistare hosting e dominio e di capire se un sito vetrina potesse successivamente esser convertito in e-shop ma non che avessi proprio bisogno di qualcuno che ti realizzasse un sito, per questo mi sono offerta di aiutarti con l’installazione.
    Capisci da te che ora invece mi trovo in una posizione un po’ scomoda: un conto è farti un favore aiutandoti con l’installazione di un cms che a grosse linee sai già utilizzare e un altro è darti un preventivo da freelance perchè, in tutta onestà, non mi sento a mio agio a “scavalcare” Gabriele.
    Quindi ti ribadisco la mia disponibilità nell’aiutarti a installare wordpress e il tema che sceglierai (free o meno) qualora tu optassi per questa strada, quella cioè “fai da te”, se invece decidessi di commissionare un sito personalizzato ed ex-novo, ti chiedo cortesemente di sentire prima Gabri Emoticon smile

    Ora si spiega perchè non ho mai avuto futuro come freelance e sì, se volete potete anche insultarmi -.-

  • Di Me e del Crescere

    Sorry, but you do not have permission to view this content.

  • Di Me e delle Improvvisazioni

    Appena svegli, appuntarsi i capelli alla ndo cojo cojo mentre ci si lavano i denti e il viso.
    Truccarsi.
    Sciogliersi i capelli.
    Realizzare che stavano meglio prima.
    Ma mooolto meglio prima.
    Cioè, stavano proprio fregni da matti eh.
    Ecco, ergo tentare di replicare l’appuntaggio estemporaneo e fallire miseramente.

    Le cose più fregne si rivelano sempre esser quelle improvvisate, poco da fa’

    E anche un po’ #FuckMyLife però eh

  • Di Me e del Futuro in anticipo

    Io: indovina che ho messo stamattina?
    J: cosa?
    Io: ricordi i pantaloni di una taglia in meno ordinati un paio di settimane fa per il “futuro”?
    J: quelli?
    Io: yesss! Il futuro è arrivato!
    J: è già arrivato?
    Io: essì eh, il futuro è qui!
    J: cacchio, allora sono in ritardo!

  • Best_Colorfull_HD_www.laba.ws

    Di me e di sinestesie

    Sorry, but you do not have permission to view this content.

  • lovers-stroll-jessilyn-park

    Di me e di uno di quei giorni

    Sorry, but you do not have permission to view this content.

  • seasons-of-life

    Di me a progetto zero

    Sorry, but you do not have permission to view this content.

  • [Re-post] del 4 luglio 2004

    Sorry, but you do not have permission to view this content.